Benvenuto nel Blog

Attraverso il Blog desideriamo condividere le notizie, i link, le ricerche nell’ambito delle Medicine non Convenzionali, e non solo, per favorirne una conoscenza sempre più approfondita.

La Medicina è una sola, come il malato è un’unità inscindibile di psiche e soma.

Avere la possibilità di attingere al vasto repertorio di terapie mediche, scegliendo in modo saggio e prudente tra le terapie convenzionali e non convenzionali secondo le necessità del caso, è una risorsa per il Medico a tutto beneficio del Paziente.

Avere conoscenza delle diverse opportunità terapeutiche disponibili aiuta il Paziente ad orientarsi e scegliere consapevolmente.

Non è importante solo una migliore conoscenza delle Terapie, ma abbiamo anche la necessità di comprendere come la nostra vita e il nostro benessere siano intimamente interconnessi:

    • con l’ambiente in cui viviamo, 
    • con la nostra storia personale, familiare e sociale
    • con il mondo interiore individuale, che è spirituale, psichico ed emozionale

 


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Generale | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Benvenuto nel Blog

Comunicato stampa FIAMO-SIMO-SIMA


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Omeopatia | Contrassegnato | Lascia un commento

Esperienze con i Fiori


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Floriterapia | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Alimentazione

Ho ricevuto segnalazione di due incontri sull’alimentazione, il primo già questa sera, e volentieri informo chi segue questo blog.

Domani sera:


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Alimentazione | Contrassegnato | Lascia un commento

La verità sull’Omeopatia

Il dottor Pindaro Mattoli ha scritto un breve saggio sull’Omeopatia in cui descrive le caratteristiche dell’approccio diagnostico-terapeutico e lo paragona all’approccio della Medicina convenzionale. Discute anche gli aspetti scientifici e l’ormai storico contenzioso contro l’Omeopatia.

Per esplicito desiderio del dr. Mattoli, il file allegato può essere distribuito liberamente oppure utilizzato anche solo in parte, citando la fonte.

La verità sull’Omeopatia


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Omeopatia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Essenze floreali per i bambini

3 ore di seminario per approfondire la conoscenza e l’uso delle essenze floreali per le necessità emozionali del bambino. Le paure, la rabbia, l’attaccamento affettivo, la socializzazione, il sonno, il linguaggio e altri argomenti che potranno emergere dalle domande dei partecipanti.

Obiettivo del corso è fornire ai genitori la capacità di osservare e riconoscere nei propri figli le dinamiche emozionali e saper dare loro un aiuto con l’uso delle essenze floreali.


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Floriterapia | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Terapia dell’ipotiroidismo subclinico in gravidanza

In un articolo pubblicato nel New England Journal of Medicine si discute l’opportunità di integrare con ormone tiroideo in caso di ipotiroidismo subclinico in gravidanza.

BACKGROUND

L’ipotiroidismo subclinico durante la gravidanza può essere associato a riduzione del quoziente intellettivo nel bambino. Lo studio si propone di investigare se il trattamento con levotiroxina durante la gravidanza migliora le funzioni cognitive dei figli.

METODI

Sono state selezionate donne in gravidanza prima della ventesima settimana di gestazione, con tiroidismo subclinico, definito da TSH uguale o maggiore di 4,00 mU/L e T4 normale  oppure con ipotirossinemia, definita come TSH normale e basso T4 (inferiore a 0,86 ng/dl).

Le donne sono state assegnate in modo casuale in due gruppi distinti, uno che riceveva supplementation con levotiroxina, l’altro riceveva placebo.

I bambini sono stati osservati per 5 anni successivi alla nascita, tramite test di valutazione dello sviluppo e del comportamento.

CONCLUSIONI

Il trattamento dell’ipotiroidismo subclinico o l’ipotiroxinemia iniziato tra la ottava e la ventesima settimana di gestazione, con levotiroxina, non ha portato a risultati cognitivi significativamente migliori nei bambini durante i primi 5 anni di vita, rispetto ai figli di donne che in gravidanza avevano ricevuto il placebo.


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Medicina Interna | Contrassegnato , , | 2 commenti

Energia, Informazione, Coerenza

Nota Biografica Ervin Laszlo

Con grande semplicità Ervin Lazslo riassume alcuni concetti chiave della fisica quantistica. Gli stessi concetti sono molto importanti anche nel campo dell’omeopatia perché ci forniscono una possibile interpretazione di “come funziona” l’omeopatia. Già 200 anni fa Hahnemann affermava che attraverso il processo di diluizione/dinamizzazione delle sostanze si estraeva l’informazione. All’epoca il linguaggio era diverso, ma il significato è identico: si diceva che attraverso la dinamizzazione si estraeva un’energia simil-spirituale, come dire portatrice di un’informazione.

Inserire nell’organismo malato l’informazione adeguata, che permette di riconoscere per similitudine il problema in atto, significa stimolare il sistema a procedere verso un migliore livello di coerenza.

 

 


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Generale | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Malattie Autoimmunitarie della Tiroide

In un precedente articolo ho raccolto alcuni studi che mostrano l’associazione tra malattie autoimmunitarie della tiroide, persistenza di virus e stress psicoemozionale.

In questo articolo voglio condividere le mie esperienze cliniche nella gestione delle patologie tiroidee in cui sono presenti anticorpi anti tireoperossidasi (anti TPO), anti tireoglobulina (anti TG) o anticorpi anti recettore TSH (o tireostimolanti TSI). Nei primi due casi si configura la patologia denominata tiroidite di Hashimoto (che solitamente porta ad un quadro clinico e di laboratorio di ipotiroidismo), nel terzo caso si parla di morbo di Basedow (che porta ad un quadro di ipertiroidismo).

In medicina convenzionale si ritiene che la presenza di anticorpi contro la tiroide (autoanticorpi) sia un evento irreversibile; i valori degli autoanticorpi vengono solitamente misurati con un esame del sangue all’inizio del percorso diagnostico e successivamente questi esami non vengono più ripetuti poiché si ritiene che il loro andamento sia casuale, soggetto ad alti e bassi, ma irreversibile.

Circa 20 anni fa anch’io ero convinto di ciò, perché in effetti questo comportamento casuale dei livelli di autoanticorpi è ciò che si osserva comunemente. Per questo motivo a quel tempo, quando giungeva alla mia osservazione un paziente che presentava anche una patologia autoimmunitaria della tiroide, consideravo la condizione cronica irreversibile e quindi mi concentravo sul resto del quadro clinico, sugli altri sintomi che il paziente presentava.

Mi accorsi però che, nei pazienti che stavano effettuando un adeguato percorso di cura omeopatica indirizzata alla guarigione della totalità dei sintomi, i livelli ematici degli autoanticorpi iniziavano un percorso progressivo di diminuzione.
All’inizio furono osservazioni casuali; probabilmente qualche paziente aveva voluto ripetere di sua iniziativa gli esami includendo gli autoanticorpi, non era infatti tra le mie aspettative che si modificasse qualcosa in quell’ambito.

Le prime inattese osservazioni mi stimolarono a richiedere un monitoraggio semestrale degli autoanticorpi per tutti i pazienti che presentavano una malattia autoimmunitaria della tiroide.

L’osservazione di diverse decine di pazienti nel corso di questi anni ha portato ad una evidenza clinica inequivocabile: se il paziente sta ricevendo una terapia omeopatica che intercetta correttamente alcune tematiche psicologiche presenti nel suo vissuto, gli autoanticorpi diminuiscono progressivamente. In alcuni casi ho osservato la progressiva diminuzione sino a normalizzazione dei valori, in altri casi una significativa diminuzione.
In alcuni casi ho osservato che ad un periodo di diminuzione progressiva degli autoanticorpi seguiva un periodo di inatteso aumento. L’osservazione attenta degli eventi psicologici ha sempre portato ad individuare una concomitante fase di sofferenza psicoemozionale; la correzione della terapia omeopatica stimolava una nuova diminuzione dei livelli di autoanticorpi e un concomitante miglioramento dello stato psicoemozionale.

Quali sono dunque gli aspetti psicoemozionali osservati?
Possono essere riassunti in due grandi gruppi:

  1. emozioni non risolte, lutti, eventi tristi, rancori ecc. Stati emozionali di cui non riusciamo a liberarci.
  2. stati di attivazione emozionale, ansia per eventi che temiamo potrebbero essere potenzialmente disastrosi, ansia anticipatoria, da prestazione; persone che vivono giornate piene di impegni, sono sempre di corsa, non si concedono pause; stanno chiedendo troppo al loro organismo.

I medicinali omeopatici più frequentemente utilizzati in queste situazioni sono i sali di arsenicum, i sali di argentum, i sali di ammonium, i sali di natrum, spongia (tutti ovviamente in diluizione/dinamizzazione omeopatica).

I medicina omeopatica classica è bene non avere dei medicinali preferiti per una certa patologia. Ogni paziente è unico e unica è la sua storia che necessita quindi di un percorso individuale per recuperare l’armonia psicofisica.


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Medicina Interna, Omeopatia, Psicosomatica | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti

Non solo Bach – Le essenze floreali


Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Floriterapia | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Tempo di influenza (6)

BELLADONNA
Influenza a comparsa rapida e febbre paurosamente alta.

FEBBRE: Febbri spesso sino a 40,5° C. Aggravamento alle 3 PM. Delirio.

BRIVIDI: Iniziano alle braccia o alle mani.
GENERALE: Faccia rossa avvampata, pupille dilatate, occhi lucidi.
Peggio: Scossoni. Movimento.
Mani e piedi freddi gelati, ma faccia e corpo sono caldi. Assenza di sete.
Forte desiderio: Limoni e limonata.

LOCALE: Spesso grave cefalea con polsi vibranti e scuotenti. Cefalea a destra, dolore agli occhi o mal di gola.

MENTALE: Delirio o allucinazioni che si sviluppano rapidamente.

Tratto da “Manuale di Terapia Omeopatica” di Roger Morrison

Print pagePDF pageEmail page
Pubblicato in Omeopatia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento