Acqua potabile dell’acquedotto

E’ molto diffusa l’abitudine di bere l’acqua potabile dell’acquedotto come principale fonte di idratazione per il nostro organismo.

Solitamente sono acque molto controllate all’origine dal punto di vista microbiologico, ma possono nascondere altre insidie.

Già anni fa si evidenziava la presenza di sostanze tossiche o potenzialmente tossiche in molti acquedotti della penisola.

Ultimamente sono all’attenzione dei Dipartimenti di Prevenzione di alcune ASL le sostanze perfluoroalchiliche, rinvenute in concentrazioni eccessive in alcuni acquedotti.
Seguendo il link potete trovare ulteriori informazioni in proposito.

Per abbattere la presenza di questi, ed altri inquinanti, potrebbe essere utile adottare sistemi di filtrazione domestici con caratteristiche simili a quelli proposti per la depurazione su larga scala, in attesa che gli acquedotti comunali interessati dal problema si avvalgano di impianti di depurazione come quello del Comune di Sarego, di cui si ha notizia dal Giornale di Vicenza di oggi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.